Studente di Ingegneria Meccanica presso l'università di Perugia. Amante della politica, storia, scienza ma soprattutto tutto ciò che riguarda lo spazio. Nel tempo libero pratico il taekwondo, arte marziale coreana.

Benvenuti a questa nuova puntata della rubrica musicale del Network e stavolta per la prima volta varchiamo i confini italiani per un gruppo estero, parliamo della band irlandese “U2”. Formatosi nel 1976 a Dublino è uno dei pochi gruppi rock con una storia decennale dietro ad essere rimasta con la formazione originale, essa è composta da Paul David Hewson, conosciuto anche sotto il nome d’arte “Bono”, David Howell Evans, Adam Clayton e Larry Mullen Jr. Famose sono le loro battaglie civili portate avanti negli anni e soprattutto il loro continuo tentativo nel sensibilizzare l’opinione pubblica sulla questione irlandese forti della loro fama. Ed è proprio di un loro brano dedicato ad un episodio cruento della storia irlandese andremo a parlare, ovvero Sunday Bloody Sunday, maggior successo dell’album “War” pubblicato nel 1983. La “domenica di sangue” è il 30 gennaio 1972,  una giornata nera che segnerà per sempre la storia anglo-irlandese, quando nella città di Derry, nell’Irlanda del Nord, un battaglione dell’esercito britannico aprì il fuoco contro una folla di manifestanti nord irlandesi, disarmati, uccidendo 14 persone.
Di seguito il testo:
Yeah

I can’t believe the news today Oh, I can’t close my eyes And make it go away How long How long must we sing this song How long, how long ‘Cause tonight, we can be as one Tonight

Broken bottles under children’s feet Bodies strewn across the dead end street But I won’t heed the battle call It puts my back up Puts my back up against the wall

Sunday, Bloody Sunday Sunday, Bloody Sunday Sunday, Bloody Sunday

And the battle’s just begun There’s many lost, but tell me who has won The trench is dug within our hearts And mothers, children, brothers, sisters Torn apart

Sunday, Bloody Sunday Sunday, Bloody Sunday

How long How long must we sing this song How long, how long ‘Cause tonight, we can be as one Tonight, tonight

Sunday, Bloody Sunday Sunday, Bloody Sunday

Wipe the tears from your eyes Wipe your tears away Oh, wipe your tears away Oh, wipe your tears away (Sunday, Bloody Sunday) Oh, wipe your blood shot eyes (Sunday, Bloody Sunday)

Sunday, Bloody Sunday (Sunday, Bloody Sunday) Sunday, Bloody Sunday (Sunday, Bloody Sunday)

And it’s true we are immune When fact is fiction and TV reality And today the millions cry We eat and drink while tomorrow they die

The real battle just begun To claim the victory Jesus won On

Sunday Bloody Sunday Sunday Bloody Sunday

Il brano è un inno contro la violenza che rimane ancora oggi attuale, tutto ciò non è successo in un Paese lontano dal nostro ma in Europa in tempi relativamente recenti. Durante la fine degli anni ’60 il clima nell’Irlanda del nord divenne teso in quanto sbocciò tra la popolazione un sentimento sempre più forte di richiesta di indipendenza dal Regno Unito provocando l’occupazione militare da parte di Londra. L’Irlanda del Nord rispose con la formazione dell’ “IRA” (Irish Repubblican Army) forte dell’appoggio della popolazione locale che portò avanti una sorta di “intifada” contro le truppe reali. “Sunday Bloody Sunday” è la reazione incredula e scandalizzata di Bono, un semplice ragazzo all’epoca dei fatti, che visse il tutto da una famiglia interconfessionale (madre protestante e padre cattolico ndr). Quella che piuttosto che una richiesta di indipendenza rischiò di diventare una guerra di religione fratricida, tra famiglie e persone la cui unica differenza fu soltanto nel credo ma fratelli in tutto il resto.