Studente di Pieve di Cadore. Appassionato di politica da sempre, da un paio d'anni mi sono interessato anche a quella britannica, i libri e la cultura anglosassone sono la mia passione.


31 07 18 – I FATTI DEL GIORNO


Tra le notizie principali di oggi potrete leggere di Daisy, dell’incontro Trump-Conte e dell’ILVA. Buongiorno e buona lettura!

Aggredita a Moncalieri un’atleta italiana, Salvini “Razzismo invenzione della sinistra”

Daisy, aggredita nella sua città solo perché di colore

Ad Ivrea un uomo rifiutato da un medico “Non sono un veterinario”
Daisy Osakue
ANSA/ ALESSANDRO DI MARCO

L’hanno fatto apposta. Non volevano colpire me come Daisy, volevano colpire me come ragazza di colore

Parla così Daisy Osakue, l’atleta italiana di origini nigeriane aggredita a Moncalieri. “In quella zona ci sono diverse prostitute, mi avranno scambiate per una di loro – aggiunge all’uscita dall’ospedale Oftalmico di Torino – Mi era già capitato di essere vittima di episodi di razzismo, ma solo verbali. Quando però si passa all’azione, significa che si è superato un altro muro”.

“Io non escludo i motivi razziali. Non voglio essere criticata per questo, ma secondo me mi hanno lanciato quel uovo, in viso, da un’auto che viaggiava a tutta velocità, semplicemente perché sono di colore”, sottolinea la giovane atleta. “Spero che trovino i responsabili: solo così si potrà sapere il motivo del gesto”.

“La vile aggressione all’atleta nazionale italiana di origine nigeriana è grave e inaccettabile – dice il PD tramite il capogruppo alla Camera Graziano Delrio e il responsabile del dipartimento sicurezza del PD Emanuele Fiano. Se confermata dalle indagini, si tratterà solo dell’ultimo di una serie di episodi di stampo razzista che si stanno verificando nel nostro Paese in modo preoccupante, a cui si sono aggiunti altri fatti, altrettanto gravi, di cittadini che pensano di ergersi a giudici e poliziotti trasformando l’Italia in una sorta di far west. Chiediamo che il governo venga urgentemente in Aula a riferire”.

“Profonda preoccupazione per il crescente numero di attacchi nei confronti di migranti, richiedenti asilo, rifugiati e cittadini italiani di origine straniera che hanno caratterizzato questi ultimi mesi”, viene espressa dall’UNHCR. “Non possiamo tollerare questa escalation di violenza indiscriminata, che proprio in quanto tale, mostra un’allarmante matrice razziale”, dice Felipe Camargo, Rappresentante per il Sud Europa dell’Agenzia Onu per i rifugiati.

Ferma condanna dal M5S con una nota dei capigruppo alla Camera e al Senato Francesco D’Uva e Stefano Patuanelli: “L’aggressione è un atto indegno che condanniamo con fermezza, chi lo ha compiuto deve provare vergogna di fronte a tutto il nostro Paese. L’Italia rifiuta, si indigna e punisce questi gesti inqualificabili. Vogliamo che questa persona, che ha lanciato un uovo contro una donna per strada, venga individuata e punita quanto prima”.

Per il presidente della Camera Roberto Fico, “al di là del fatto se ci sono in questo momento episodi di razzismo, il razzismo va sempre combattuto, in ogni caso, senza esitare mai un solo secondo. Qualsiasi episodio di razzismo, anche se ce ne fosse soltanto uno oggi, va combattuto senza se e senza ma. In ogni caso, sempre”.



“Grazie Giuseppe per essere qui” dice Donald al Premier Conte

Incontro Trump-Conte, piena sintonia tra i due leader

Conte e Trump
UFFICIO STAMPA PRESIDENZA CONSIGLIO DEI MINISTRI

Il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte è stato ricevuto alla Casa Bianca con una calorosa stretta di mano dal presidente americano Donald Trump. “Grazie Giuseppe per essere qui”, ha detto il presidente Usa. “È un grande onore essere qui”, ha risposto il premier.

Il Presidente americano – informano fonti di Palazzo Chigi – ha dato il suo via libera su tre questioni cruciali poste da Giuseppe Conte. In particolare, il primo è che l’Italia conta sull’appoggio degli USA per la Conferenza sulla Libia che si terrà nel nostro Paese, come annunciato dallo stesso Conte un mese fa al vertice NATO, e che può rappresentare un passaggio cruciale nel processo di messa a punto delle condizioni politiche, legali e di sicurezza indispensabili per lo svolgimento delle prossime elezioni politiche e presidenziali libiche. Quindi è stato ottenuto – prosegue la stessa fonte – il sostegno di Trump ad una “cabina di regia permanente” tra USA e Italia per il Mediterraneo allargato in chiave di lotta al terrorismo, maggiore sicurezza, immigrazione e soprattutto Libia. Con questa cabina di regia – da attuarsi attraverso i reciproci ministeri degli Esteri e della Difesa – l’Italia assumerebbe un ruolo di punto di riferimento, in Europa, per la Libia e di interlocutore privilegiato con gli Usa. L’idea è che Italia e USA possano insieme farsi promotori e fautori della stabilizzazione del paese nord africano. Infine, via libera sul tema degli scambi commerciali e dazi: l’obiettivo di Conte è anche avere da Trump garanzie che gli interessi delle aziende italiane non vengano toccati, con particolare riferimento ai prodotti dell’agroalimentare. Per questo l’Italia si dichiara soddisfatta dell’accordo raggiunto tra Trump e Junker e ne auspica una rapida attuazione.

“Conte sta facendo un lavoro fantastico”, ha detto Donald Trump. “Sono molto d’accordo con quello che state facendo sull’immigrazione legale e illegale”, ha affermato il presidente Usa sottolineando: “Sono d’accordo con la vostra gestione dei confini”.  “Molti altri Paesi in Europa dovrebbero seguire l’esempio dell’Italia” sull’immigrazione e su una posizione dura ai confini, ha spiegato il presidente Usa.



Su ILVA Di Maio non è ancora soddisfatto

Ho chiesto ad ArcelorMittal dei miglioramenti sul piano ambientale e occupazionale e per me non sono ancora soddisfacenti

Ha detto il ministro dello Sviluppo economico e del Lavoro, Luigi Di Maio, al termine del tavolo odierno sull’Ilva.  Al tavolo i rappresentanti di 62 sigle, tra cui Arcelor Mittal, enti locali e associazioni ambientali e di cittadini.

ArcelorMittal si impegna a raggiungere, entro il 2023, “una riduzione delle emissioni di CO2 per tonnellata di acciaio liquido pari al 15% rispetto ai dati del 2017”. È quanto si legge nell’addendum proposto da ArcelorMittal e presentato al tavolo. Il piano prevede anche l’impegno, anche per il periodo successivo alla durata del Piano industriale, a mantenere la produzione dell’acciaieria a ciclo integrato ad un livello non eccedente gli 8 milioni di tonnellate di acciaio liquido annue.

Con l’incontro di oggi “si passa da un metodo in cui il mio predecessore firmava con ArcelorMittal senza dirlo neanche ai sindacati al momento in cui tutti si possono confrontare direttamente”, ha detto Di Maio al termine del tavolo Ilva. “E’ un cambio di passo nel metodo”, ha aggiunto. “Convocare 62 realtà per due ore significa non discutere ma costruire un palcoscenico a uso e consumo vicepremier Di Maio. Così non si fa politica industriale”, ha detto il segretario del Pd Maurizio Martina definendo il tavolo “l’ennesima operazione propagandistica”. “Se il governo precedente ha sbagliato la gara, si prende una responsabilità che è senza precedenti. Mi auguro che tutto sia in regola”, ha aggiunto Di Maio sulla gara per Ilva precisando che “faremo subito, penso questa settimana, richiesta all’Avvocatura dello Stato che ci deve dire cosa si può fare e cosa no”. “Io non aderisco a quell’idea politica – prosegue Di Maio – per cui bisogna fare tutto per liberarsene e allora il primo acquirente che passa gliela regaliamo. Voglio vederci chiaro fino alla fine – ha aggiunto – Mi sono letto 23 mila pagine e avevo ragione perché ho trovato delle criticità”.

“Le proposte di ArcelorMittal sono un piccolo passo avanti assolutamente insufficiente a garantire la salute dei miei concittadini”, afferma il governatore pugliese, Michele Emiliano. “Attendiamo un nuova reale proposta ArcelorMittal o altrimenti non daremo il nostro assenso”.



in 280 caratteri

Gli hashtag top trending di ieri sono stati #BastaRazzismo, #Libia e #Conte.

@giusi_nicolini commenta: “Una italiana della quale andare fieri : la tempra di una campionessa, la grinta di una lottatrice, bella nel volto, nelle cose che dice e che fa. Chi lancia uova negli occhi, striscia nella melma putrida di odio e razzismo. Questa è la differenza ”



Potete trovare il Prosperous Network anche su Facebook e su Twitter, a domani!